Conciliazioni

Informazione importante agli utenti

Le conciliazioni paritetiche rappresentano uno strumento stragiudiziale che in Italia è stato ideato e realizzato già negli anni ’90 dalle Associazioni dei Consumatori con alcune importanti aziende di servizi del nostro Paese, con le quali sono stati siglati Protocolli di intesa, che nel corso degli anni sono sempre stati aggiornati e che sono riportati, nei rispettivi settori, qui di seguito.

Per anni quest’attività delle Associazioni Consumatori, compresa ACU, è stata realizzata senza alcun contributo pubblico.

In anni più recenti le Autorità competenti (Ministero dello Sviluppo Economico, Autorità per l’Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico AEEGSI), hanno non solo riconosciuto questo strumento a livello normativo, ma hanno anche previsto un contributo economico alle Associazioni Consumatori, riconoscendo il dispendio di risorse necessario alla gestione di tali pratiche di conciliazione.

In particolare nel settore energetico è previsto dal Bando PCS/16 che tutti gli utenti vengano puntualmente informati di questa circostanza. Infatti il bando recita:

  1. “Le richieste di erogazione del contributo di cui all’articolo 2 devono essere presentate da singole Associazioni nazionali dei consumatori.
  2. Ogni richiesta dovrà essere presentata secondo le modalità indicate al successivo articolo 6 e dovrà contenere i seguenti elementi:
    a. omissis;
    b. Limitatamente alla prima richiesta e in ogni caso di variazioni successive:

    • i. omissis
    • ii. Omissis
    • iii. Omissis
    • iv. Omissis
    • v. “copia del documento attraverso il quale il consumatore riceve l’informazione in merito al contributo forfetario riconosciuto all’associazione ai sensi del presente avviso e all’eventuale cofinanziamento privato o contributo finanziario di soggetti terzi”c. Omissis.

Tale informazione viene in ogni caso fornita dai nostri sportellisti agli utenti che intendono avvalersi dei tentativi di conciliazione che beneficia del suddetto contributo, mediante rinvio al presente avviso. Si precisa a tale riguardo che ACU non si avvale di ulteriori cofinanziamenti privati o contributi finanziari di soggetti terzi.

L’Associazione ACU rimane a disposizione per qualsiasi ulteriore informazione in merito, fermo restando che il bando stesso può essere scaricato dal sito CSEA al link http://www.csea.it/site/cosa-facciamo/bando-pcs-16.